Approccio sensomotorio

“Il corpo parla in modo chiaro a chi sa come ascoltarlo” (Ogden, 2015)

La Psicologia non è fatta solo di parole

Approccio corporeo

Generalmente si crede che la psicologia sia fatta soprattutto di parole, capaci di restituire senso alla vita attuale e alle esperienze passate, generando cambiamento. In parte è cosi. Tuttavia, ci sono aspetti di noi inenarrabili, che le parole non riescono a descrivere pienamente: si sentono, si percepiscono e si manifestano nel corpo. Questi aspetti prendono la forma di posture, tensioni muscolari, movimenti, gesti, prosodie, sguardi ed espressioni facciali, rappresentando il riflesso del modo in cui nel tempo ci siamo adattati alle relazioni, all’ambiente e agli eventi.

Il nostro approccio attinge dalla preziosa saggezza del corpo per sostenere e promuovere lo sviluppo dell’individuo verso una piena realizzazione di sé. Si parte dal presupposto scientifico che sia l’attitudine corporea, in prima battuta, a influenzare i nostri pensieri, i sentimenti e le credenze che abbiamo su noi stessi e sul mondo. I terapeuti che utilizzano questa metodologia, quindi,  focalizzano l’attenzione, oltre che sui contenuti verbali, sui dettagli che emergono dal corpo del paziente durante lo svolgersi dell’interazione, notando come questi si ripercuotono sul funzionamento cognitivo, emotivo e comportamentale.

L’esplorazione delle sensazioni e dei movimenti bloccati

L’esplorazione di rilevanti sensazioni corporee e movimenti somatici, all’interno del flusso comunicativo, spiana la strada alla spontanea comprensione delle aspettative e degli schemi d’azione che sono stati incarnati nel corso dell’esistenza e che attualmente bloccano o ostacolano il benessere del paziente. Ciò apre alla possibilità di sperimentare nuove modalità di abitare e muoversi nel proprio corpo, flessibilizzando e ampliando le possibilità dell’individuo di realizzarsi, relazionandosi in armonia con se stesso e con gli altri nei vari contesti di vita.